Emanuela Pacotto

Attrice, Doppiatrice
Ho cominciato fin da piccola a calcare le tavole del palcoscenico e seguendo le orme di mia sorella ho partecipato a concorsi canori come "LA MASCHERINA D'ORO" , "IL TURCHINO D'ORO" e "IL GONZAGHINO D'ORO" .
Sono stata scelta per alcuni sceneggiati televisivi e ho girato caroselli e fatto foto pubblicitarie .

A 6 anni ho partecipato, sempre come solista, all'AMBROGINO D'ORO cantando "Una bimba povera" l'ultima canzone composta da Giovanni Danzi .
Subito dopo sono entrata a far parte del coro dei PICCOLI CANTORI DI MILANO diretti da Ninì Comolli e con loro, sempre per gioco, come è giusto che fosse a quell'età, ho fatto davvero di tutto.
Ho inciso sigle televisive diventate famose come "LA BELLA TARTARUGA" e "IL BASSOTTO POLIZIOTTO" con Bruno Lauzi e "PORTOBELLO".
Ho inciso parecchi dischi come "PRENDI UN FIORELLINO" e "VIRGOLA" con Jocelyn"CI VUOLE UN FIORE" e "HO VISTO UN PRATO"con Sergio Endrigo e tutte le canzoni, sigla compresa, dei famosi cartoni animati "I BARBAPAPA" con Claudio Lippi e Orietta Berti .

A 8 anni , cantando in coppia con mia sorella, ho rappresentato l'Italia al galà dell'Unicef a Belgrado .
Sempre con il coro, ho fatto trasmissioni televisive come "IL CIRCO FILASTROCCA" con Richy Gianco e "C'ERA UNA VOLTA" con Alberto Lupo .

A 10 ho tentato l'esame per entrare alla scuola di danza della SCALA di Milano ma dopo aver passato la prima selezione e aver frequentato lezioni di danza alla Scala per tutto il mese di giugno ,come corso di selezione, sono stata scartata.
A settembre dello stesso anno però ho fatto l'audizione fra più di 500 bambini per "La BAMBOLA ABBANDONATA", regia di Giorgio Strehler con Gianfranco Mauri, Narcisa Bonati, Cip Barcellini e Ottavio Fanfani e sono stata scelta. Ho debuttato così in teatro alla Piccola Scala di Milano tenuta a battesimo, come nei sogni più belli, dal grande Strehler. Il mio futuro di attrice era segnato .
Dopo questa esperienza, ho continuato nei ritagli di tempo della scuola, a partecipare a sceneggiati televisivi come il "IL MALINTESO" per la regia di Bruno Rasia con Alida Valli e Lina Sastri e "L'ESCLUSA" continuando comunque fare bubblicità e a cantare.
Ma "piccoli bimbi crescono!" e così i più grandicelli del coro si sono staccati creando un nuovo gruppo musicale di adolescenti (forse il primo in Italia) Eravamo i TEEN AGERS . Grazie a loro sono stata la ragazzina più fotografata d'Italia. Sono apparsa infatti sulle copertine di tutti i quotidiani a fianco niente po pò di meno che Edoardo De Filippo . Come Teen Agers infatti eravamo stati invitati al Teatro Manzoni per cantare gli auguri di compleanno, con tanto di torta con le candeline, per gli 80 anni di Edoardo. Lui non sapeva niente, una sorpresa, alla fine dello spettacolo ed è stato bellissimo. Il giorno dopo ero su tutti i giornali!
Ma come gruppo non abbiamo avuto successo e così dopo poco ci siamo sciolti.

Non stanca però, a 15 anni ho iniziato a studiare danza classica con Giuliana Barabaschi e grazie a lei ho partecipato all'audizione e sono stata scelta per "IL MIRACOLO DELLA TORRE VELASCA", lavorando così come attrice-ballerina al teatro Gerolamo con la regia di Umberto Simonetta.

Mi sono divertita a fare anche i fotoromanzi per BOLERO e CLEO’ pur continuando a fare i cast per gli spot pubblicitari e pensate un po' agli incontri profetici: ho girato "SAILA MENTA" e "LIP" con la regia di Maurizio Nicchetti e "CIPSTER SAIWA" con la regia di Renzo Arbore. Tutti personaggi importanti, tutti pezzi da 90!!!

Ma più crescevo e più l'hobby e il divertimento sono diventati una cosa seria così a 17 anni, nonostante frequentassi già una scuola di recitazione privata, mi sono detta: "Manu, se fai sul serio ti iscrivi a un'Accademia". E cosi ho sostenuto l'esame d'ammissione all'ACCADEMIA D'ARTE DEI FILODRAMMATICI e sono stata scelta .

Mi sono diplomata attrice dopo due anni di studi sotto la direzione di Ernesto Calindri e da allora il gioco è diventato il mio lavoro e la mia vita.

18:00 - 19:00 // SERIE TV

Giovedì 16 Luglio Movieplayer.it

Voci della nostra infanzia

Senza grandi voci gli anime non avrebbero un’anima. Come si presta la voce a intere generazioni? Ne parliamo assieme ad alcuni storici doppiatori capaci di rendere cult tantissimi cartoni animati.

Aggiungi al Calendario
16-07-2020 18:00
16-07-2020 19:00
Europe/Rome

Voci della nostra infanzia